Filologia, letterature e civiltà del mondo antico - Codice corso N56

  • Classe di Laurea: LM-15 Filologia, letterature e storia dell'antichità
  • Tipo di corso: Specialistico/Magistrale
  • Area didattica: Studi umanistici
  • Scuola: Scuola delle Scienze Umane e Sociali
  • Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici
  • Durata: 2 anni
  • Accesso al Corso: Laurea di 1° livello
  • Coordinatore: Prof.ssa Chiara RENDA (Decorrenza 16/09/2019 – 16/09/2022)
  • Sito Web: studiumanistici.dip.unina.it/2013/05/03/filologia-letterature-e-civilta-del-mondo-antico
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Studi Umanistici
  • Sportello di Orientamento:
    • Sede: Via Porta di Massa,1 - 80133 Napoli
    • Telefono: 081-2535523
    • Referente: Commissione
  • Obiettivi specifici:

    La Laurea Magistrale in Filologia, letterature e civiltà del mondo antico ha come obiettivo formativo la preparazione di laureati, che, al termine dei loro studi, abbiano acquisito una competenza piena nel settore della filologia e delle letterature dell'antichità greca e latina e posseggano una conoscenza teorica approfondita nel campo delle lingue, delle letterature greca e latina e delle civiltà del mondo antico, del loro contesto storico e culturale, della loro trasmissione e fortuna e del loro lascito nell'età moderna e contemporanea, secondo quanto appresso indicato in sede propria. Il conseguimento delle abilità di seguito descritte è perseguito attraverso strumenti didattici che si articolano in lezioni frontali,in seminari con attiva partecipazione dei discenti, esercitazioni nel campo della ricerca bibliografica e strumentale tramite l'utilizzazione degli strumenti messi a disposizione dalla moderna tecnologia. Inoltre, il laureato utilizzerà fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea, in aggiunta all'italiano, che gli consenta una partecipazione attiva e critica al moderno dibattito internazionale sulle culture e civiltà antiche.

  • Il corso di studio in breve:

    Il CdS Magistrale in Filologia, Letterature e Civiltà del Mondo Antico si prefigge come obiettivo formativo la preparazione di laureati con competenze nei campi della filologia e delle letterature dell'antichità greca e latina, delle civiltà del mondo antico, del loro contesto storico e culturale, della loro trasmissione e fortuna e del loro lascito o ricezione nell'età moderna e contemporanea. Il laureato sarà formato per insegnare nelle scuole secondarie del I e del II ciclo (insegnamenti comprensivi del greco, del latino e delle civiltà del mondo antico) secondo le forme previste dalla normativa vigente. Potrà, inoltre, svolgere compiti di attività professionale autonoma e funzioni direttive in archivi di stato, in biblioteche, soprintendenze, centri culturali, fondazioni, case editrici, redazioni giornalistiche. Potrà anche concorrere, con le sue specifiche competenze, alla creazione di contenuti altamente specializzati per programmi e prodotti informatici, digitali e della comunicazione di massa. Il CdS Magistrale in Filologia, Letterature e Civiltà del Mondo Antico prevede il superamento di 5 esami nel I anno e di 7 esami nel II anno. Non è previsto alcun tirocinio oltre alla prova finale (n. 20 CFU). Il CdS Magistrale ha n. 10 docenti di riferimento; la copertura degli insegnamenti è interna, completata con il ricorso a risorse del Dipartimento e a bandi di affidamento a personale ricercatore e docente.

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Per l'ammissione al Corso di Studio Magistrale in Filologia, Letterature e Civiltà del Mondo Antico occorrono i seguenti requisiti:  La Laurea triennale conseguita presso uno dei CdS triennali appartenenti alle seguenti Classi di Laurea triennale: L-1 (Beni Culturali) L-5 (Filosofia) L-10 (Lettere) L-42 (Storia) o altro titolo equipollente.  Il possesso di un'adeguata preparazione personale nell'ambito della cultura classica e delle relative due lingue e letterature.  Il possesso di un'adeguata conoscenza personale, corrispondente al livello B2, di almeno una lingua straniera europea. Il possesso dei requisiti curriculari e l'adeguatezza della personale preparazione ai fini dell'ammissione viene accertata mediante esame della carriera universitaria del laureato e/o prove di verifica, secondo modalità definite nel Regolamento didattico del corso di studio.

  • Orientamento in ingresso:

    Il CdS Magistrale in Filologia, Letterature e Civiltà del Mondo Antico per l'orientamento in ingresso si basa in maniera prevalente sull'attività del docente di riferimento, prof.ssa Teresa Piscitelli, delegata del CdS nella Commissione di Orientamento di Dipartimento, e dei docenti che svolgono funzioni di tutoraggio individuati all'interno del CdS Magistrale stesso, proff. Giancarlo Abbamonte, Daniela Milo e Teresa Piscitelli. Supporto è fornito altresì dai servizi dedicati allestiti dal Dipartimento di Studi Umanistici e dall'Ateneo (si segua il link riportato in calce). All'interno dell'Ateneo è presente un Servizio di Orientamento in ingresso, in itinere, in uscita strutturato in uffici. In particolare il Centro S.I.N.A.P.S.I. (Servizi per l'Inclusione Attiva e Partecipata degli Studenti) offre servizi di tutorato specializzato e counseling per il successo formativo, e per gli studenti disabili o afflitti da disturbo specifico dell'apprendimento; ma si occupa anche di impedire gli episodi di discriminazione e di promuovere la cultura delle differenze. Il link di S.I.N.A.P.S.I. è il seguente: http://www.sinapsi.unina.it In particolare quest'anno il CdS ha partecipato con alcuni docenti tutor e con il delegato del corso nella Commissione di Orientamento del DSU, prof.ssa Teresa Piscitelli, non solo ad una serie di riunioni organizzative, ma anche ad una capillare attività di informazione svolta presso gli Istituti Scolastici di II grado ed espletata attraverso visite personali dei componenti della Commissione presso le singole Scuole. Il CdS ha collaborato pure alla realizzazione di un 'Open Day' organizzato dal DSU per il giorno 8 febbraio 2019 rivolto agli Studenti delle Scuole di II grado, che ha riscosso un grande interesse ed un buon successo di pubblico. Altri incontri di orientamento, rivolti agli studenti del CdS in Lettere Classiche hanno avuto luogo il 14 ottobre 2018 e il 2 maggio 2019.

  • Prova finale:

    La prova finale consiste nell'esposizione dinanzi a un'apposita commissione di una tesi scritta che risponda a requisiti di originalità. • La tesi sarà elaborata sotto la guida di un relatore, designato dal Coordinatore della Commissione per il Coordinamento didattico del Corso di Studio Magistrale tra i docenti e i ricercatori afferenti al Corso di Studio Magistrale. Lo studente potrà indicare al Coordinatore, cui chiede di poter accedere alla prova finale, la propria preferenza nella designazione. Lo studente può chiedere la tesi di laurea a partire dall'inizio del 2° semestre del 1° anno del suo corso di studio. • La consegna della tesi di laurea presso la Segreteria Studenti Area Didattica Studi Umanistici deve essere effettuata entro il termine previsto dalla normativa in vigore presso il Dipartimento. • Per accedere alla prova finale lo studente deve avere acquisito il quantitativo di crediti universitari previsto dal Regolamento didattico, meno quelli previsti per la prova finale. • Dopo la presentazione del relatore lo studente esporrà e discuterà pubblicamente il suo elaborato dinanzi ad apposita commissione giudicatrice composta da almeno cinque membri scelti tra professori e ricercatori, di cui almeno quattro professori di ruolo. • La Commissione è presieduta dal Direttore del Dipartimento o dal Coordinatore della Commissione per il Coordinamento didattico del Corso di Studio Magistrale o dal più anziano in ruolo fra i membri della Commissione. • La Commissione giudicatrice esprime la votazione in centodecimi e, all'unanimità, può concedere al candidato il massimo dei voti con lode. Il voto minimo per il superamento della prova è sessantasei centodecimi. • Il Coordinatore della Commissione per il Coordinamento didattico del Corso di Studio Magistrale cura l'equa distribuzione, tra i docenti e i ricercatori, dell'assegnazione delle tesi. All'uopo è costituita presso la Commissione per il Coordinamento didattico del Corso di Studio Magistrale un'anagrafe delle tesi di laurea assegnate.