Il Bel Paese è la nazione più corrotta d'Europa

Immagine relativa al contenuto Il Bel Paese è la nazione più corrotta d'Europa

L'ultima edizione della classifica di Transparency International (organizzazione internazionale non governativa che si occupa della corruzione, fondata nel 1993 a Berlino) sulla corruzione percepita, il ‘Corruption Perception Index 2014', che riporta le valutazioni degli osservatori internazionali sul livello di corruzione di 175 paesi del mondo, da una parte ci rasserena sul fatto che l'Italia ferma la sua rovinosa discesa verso il basso della classifica (i valori sono uguali al 2011 e 2013) ma però resta maglia nera tra gli Stati occidentali e in Europa.

La classifica afferma che Danimarca, Nuova Zelanda, e Finlandia, sono i primi tre nella classifica degli stati considerati come meno corrotti del pianeta, mentre al fondo si collocano Nord Corea e Somalia.

La graduatoria, formata da 175 stati, vede l'Italia al 69° posto, a fianco di Grecia e Romania, Senegal e Swaziland. Nessun paese dell'Ue ha un punteggio peggiore. Anche se a livello globale si distinguono in negativo Francia, Cina e Turchia che perdono diverse posizioni rispetto all'anno scorso.

Al mondo in una scala da zero (gravemente corrotto) a 100 (assolutamente pulito), l'Italia con i suoi 43 punti si colloca tra le nazioni al mondo che non raggiungono neppure la sufficienza in trasparenza.

Il ‘Corruption Perception Index 2014' è calcolato utilizzando dodici differenti fonti di dati da ben undici diverse istituzioni internazionali che registrano la percezione della corruzione nel settore pubblico negli ultimi due anni. ( Chiara Crispino)


Redazione

c/o COINOR: redazionenews@unina.it