Medicina Veterinaria

  • Classe di Laurea: LM-42 Medicina veterinaria
  • Tipo di corso: Ciclo unico/Magistrale
  • Area didattica: Medicina Veterinaria
  • Scuola: Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria
  • Dipartimento: Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali
  • Durata: 5 anni
  • Accesso al Corso: Numero programmato
  • Coordinatore: Prof.ssa Brunella Restucci
  • Sito Web: www.medicinaveterinaria.unina.it
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Medicina Veterinaria
  • Sportello di Orientamento:
  • Rappresentanti degli Studenti:
    • Lorenzo De Rosa
    • Romina Francioso
    • Sebastiano Davide mancuso
    • Valeria Nicchiniello
  • Obiettivi specifici:

    Gli obiettivi formativi del corso di studio vengono raggiunti mediante didattica frontale e pratica offerti secondo modalità certificata dall'European Association of Establishments for Veterinary Education (EAEVE) e dalla normativa ISO EN 9001. Tale approccio d'insegnamento garantisce al laureato di acquisire le conoscenze teoriche e pratiche necessarie all'esercizio della professione medico-veterinaria in tutte le sue molteplici sfaccettature. In particolare la figura professionale ha competenze nella clinica degli animali da reddito, da compagnia incluse le specie non convenzionali, nella sorveglianza epidemiologica del territorio, nel controllo delle derrate di origine animale al fine di garantirne la salubrità per la sicurezza dell'uomo, nel benessere animale, nella gestione produttiva, riproduttiva e nutrizionale delle specie allevate anche al fine di produrre alimenti con spiccate caratteristiche nutraceutiche e a limitare l'impatto ambientale delle aziende zootecniche. Il laureato in Medicina Veterinaria avrà, inoltre, particolare attenzione e cura per la tutela delle specie in via di estinzione e di quelle che fungono da sentinelle ambientali. Tali conoscenze sono conseguite tramite un percorso di didattica frontale e soprattutto pratica, svolta nei vari settori dell'ospedale didattico di Facoltà e dell'ospedale Frullone per gli animali senza padrone, presso la sala necroscopie e quella anatomica, l'aula informatica, l'aula didattica di microscopia e numerosi laboratori del Dipartimento. Lo studente acquisisce, inoltre, le conoscenze zootecniche mediante visite periodiche e calendarizzate presso alcuni allevamenti convenzionati. Il percorso formativo ha durata quinquennale: nei primi due anni sono concentrate quasi esclusivamente le attività di base (discipline applicate agli studi medico-veterinari, discipline biologiche e genetiche vegetali ed animali, discipline della struttura, funzione e metabolismo delle molecole di interesse biologico, discipline della struttura e funzione degli organismi animali e discipline delle metodologie informatiche e statistiche); mentre al terzo, quarto e quinto anno sono concentrate le attività caratterizzanti (discipline della zootecnica, allevamento e nutrizione animale, discipline delle malattie infettive ed infestive, discipline anatomo-patologiche ed ispettive veterinarie, discipline cliniche veterinarie). Al quinto anno gli studenti acquisiscono fino a 12 CFU a scelta. L'offerta formativa a scelta è stata determinata in risposta alle specifiche richieste del territorio e della Comunità Europea di specifiche competenze professionali. Il secondo semestre del quinto anno è interamente dedicato al tirocinio pratico (30 CFU) che dura 23 settimane e prevede attività da svolgersi presso strutture interne al Dipartimento, quali l'ospedale didattico e alcuni laboratori, e periodi da espletarsi extra-moenia presso strutture pubbliche (ASL) e private (ambulatori veterinari, aziende zootecniche, caseifici) convenzionate con il Dipartimento. Per tutte le discipline, in particolare quelle caratterizzanti e quelle affini e integrative, incardinate nei moduli professionalizzanti, il carico didattico prevede che la parte pratica rappresenti al meno il 50% del totale. Oltre alle ore curriculari riconosciute nell'ambito di ciascun CFU, gli studenti spendono, nel corso dei cinque anni, 272 ore aggiuntive di sola attività pratica clinica. Tutto il percorso didattico, compreso l'accesso al tirocinio, è basato sul criterio delle propedeuticità degli esami.

  • Il corso di studio in breve:

    Per essere ammessi al Corso di Laurea occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quinquennale o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo ai sensi delle leggi vigenti. Lo studente dovrà, inoltre, essere in possesso di un'adeguata preparazione iniziale, e dovrà aver maturato capacità analitiche, conoscenze e abilità specificate nel "Decreto Ministeriale relativo alle Modalità e contenuti delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato a livello nazionale". Le conoscenze minime richieste corrispondono a quelle impartite nei corsi della scuola secondaria superiore a indirizzo scientifico per le discipline di biologia, chimica, fisica, matematica. La preparazione iniziale sarà valutata mediante un test su argomenti relativi a tali discipline di base. Inoltre comprende una serie di domande volte a valutare le capacità logiche del candidato. Il test viene predisposto dal MIUR e si svolge in ambito nazionale in un'unica data, che viene stabilita dal MIUR e comunicata con la pubblicazione sul sito del Corso di Studi e sul Manifesto degli Studi. Agli studenti che superano il test con il minimo del punteggio previsto dal DM sono assegnati Obblighi Formativi Aggiuntivi (OFA) che prevedono delle ore aggiuntive riservate a tali studenti nei corsi di Chimica Generale, Fisica Statistica, Propedeutica Biochimica e Biochimica Generale. La verifica del superamento degli OFA è identificata nel superamento degli esami delle suddette discipline tutti allocati al I anno di Corso. OBIETTIVI FORMATIVI: Gli obiettivi formativi del corso di studio vengono definiti in risposta alla domanda di formazione del CdS in Medicina Veterinaria la quale tiene conto delle richieste e suggerimenti provenienti da diversi settori del mondo del lavoro: 1) Ordini Professionali delle cinque province della regione Campania 2) Veterinari liberi professionisti occupati nelle varie aree del settore veterinario e impiegati nelle ASL, coinvolti in qualità di tutor nell'espletamento del tirocinio del V anno 3) Enti nazionali (FNOVI, AMVI) 4) EAEVE (European Association of Establishments for Veterinary Education) 5) Polo didattico Integrato, costituito dal Dipartimento di Medicina Veterinaria, ASL NA1, IZS e Regione Campania, costituitosi nel 2010 con la finalità di creare una rete di interessi e cooperazioni scientifiche dalle quali sono sorte numerose realtà in cui il CdS è ampiamente coinvolto. Tali obiettivi vengono raggiunti mediante didattica frontale e pratica offerti secondo modalità certificata ed ottenuta dall'European Association of Establishments for Veterinary Education (EAEVE). ORGANIZZAZIONE DIDATTICA: Il CdS in Medicina Veterinaria ha un solo ordinamento attivo regolamentato dalla legge 240/2010 (nuovo ordinamento). Tale ordinamento è stato attivato progressivamente di anno in anno a partire dal 2011/12 con contemporanea disattivazione dell'ordinamento 270/2004 (vecchio ordinamento). Nell'anno 2015/16 è stato attivato il V anno completando l'attivazione di tutto l'ordinamento. Nel febbraio 2014 sono state effettuate alcune modifiche dell' ordinamento (già proposte nel rapporto di riesame approvato il 19/12/2013) tese a migliorare l'offerta didattica in risposta ad alcuni suggerimenti da parte della Commissione EAEVE che ha valutato, e peraltro certificato, il Corso di Laurea nell'aprile 2013 e al fine di creare una sempre maggiore sincronia tra il Dipartimento e le esigenze del territorio. Nei primi due anni del Corso di Studio, sono quasi esclusivamente rappresentate le attività di base (discipline applicate agli studi medico-veterinari, discipline biologiche e genetiche vegetali ed animali, discipline della struttura, funzione e metabolismo delle molecole di interesse biologico, discipline della struttura e funzione degli organismi animali e discipline delle metodologie informatiche e statistiche) mentre nel 3, 4 e 5 anno le attività caratterizzanti (discipline della zootecnica, allevamento e nutrizione animale, discipline delle malattie infettive ed infestive, discipline anatomo-patologiche ed ispettive veterinarie, discipline cliniche veterinarie,) impegnano totalmente il percorso formativo. Secondo l'ordinamento 240/2010, durante il Corso di studi, gli studenti acquisiscono 12 CFU a scelta la cui determinazione nasce in risposta a richieste di specificità professionali da parte del territorio e della Comunità Europea. Essi sono collocati al I semestre del V anno e organizzati in Moduli Professionalizzanti ognuno dei quali offre una serie di materie ognuna del peso di 4 CFU delle quali lo studente ne sceglie 3. L'attivazione di un Modulo Professionalizzante è subordinata alla scelta di esso da parte di almeno 6 studenti mentre l'attivazione delle singole materie all'interno del Modulo è subordinata alla scelta da parte di almeno 5 studenti. Il secondo semestre del V anno è interamente dedicato al tirocinio pratico che conferisce 30 CFU ed ha la durata di 23 settimane e prevede periodi interni al Dipartimento, nell'ospedale didattico o nei vari laboratori, e periodi esterni nell'ambito di strutture pubbliche (ASL) e private (ambulatori veterinari, aziende zootecniche, caseifici) convenzionate con il Dipartimento. Per tutte le discipline, in particolare quelle caratterizzanti e quelle affini e integrative, incardinate nei moduli professionalizzanti, il carico didattico prevede un minimo di 50% di parte pratica. L'attività pratica è divisa in tre tipologie secondo i criteri dettati dalla EAEVE: 1) Laboratory desk: attività di laboratorio 2) non clinical animal work: attività pratiche svolte su animali senza la formulazione di una diagnosi clinica (esercitazioni di anatomia normale, attività zootecniche) 3) clinical work: attività cliniche sull'animale che comportano la formulazione di una diagnosi (esercitazioni di clinica medica, di anatomia patologica, di necroscopie). Oltre alle ore curriculari riconosciute nell'ambito di ciascun CFU, gli studenti spendono, nell'arco dei 5 anni, 272 ore aggiuntive di sola attività pratica clinica. Tali ore comprendono: • 22 ore di "handling" che gli studenti del I anno spendono nell'ospedale didattico del Dipartimento (OVUD) • 200 ore di attività clinica spese dagli studenti del II, III, e IV anno di corso nell'ospedale didattico del Dipartimento svolgendo sia attività clinica routinaria sia servizio di emergenza H24, nonché attività clinico assistenziale in strutture convenzionate 50 ore di attività clinica su animali da reddito o su grossi animali NDPA effettuata dagli studenti del IV anno di corso, mediante due cliniche mobili, una per animali da reddito e una per equini, che gli studenti, accompagnati da un docente di clinica coadiuvato da un altro docente di malattie infettive e parassitarie o zootecnico, utilizzano per recarsi presso aziende convenzionate svolgendo sia attività clinica routinaria sia servizio di emergenza. Gli studenti completano il percorso formativo acquisendo 10 CFU all'atto dell'esame di laurea consistente nella discussione di una tesi sperimentale o compilativa, raggiungendo la quota di 300 CFU. Tutto il percorso didattico, compreso l'accesso al tirocinio, è basato sul criterio delle propedeuticità degli esami.

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Per essere ammessi al Corso di Laurea occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quinquennale o di altro titolo di studio conseguito all'estero, riconosciuto idoneo ai sensi delle leggi vigenti. Lo studente dovrà, inoltre, essere in possesso di un'adeguata preparazione iniziale, e dovrà aver maturato abilità analitiche, conoscenze e abilità specificate nel "Decreto Ministeriale relativo alle Modalità e contenuti delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato a livello nazionale". Le conoscenze minime richieste corrispondono a quelle impartite nei corsi della scuola secondaria superiore ad indirizzo scientifico per le discipline di biologia, chimica, fisica, matematica. La preparazione iniziale sarà valutata mediante un test su argomenti relativi a tali discipline di base. Il test d'ingresso comprende anche una serie di domande volte a valutare le capacità logiche del candidato. Il test viene predisposto dal MIUR e si svolge in ambito nazionale in un'unica data stabilita annualmente dal MIUR e comunicata con la pubblicazione sul sito del Corso di Studi e sul Manifesto degli Studi. Agli studenti che superano il test con il minimo del punteggio previsto dal DM sono assegnati Obblighi Formativi Aggiuntivi (OFA) che prevedono delle ore aggiuntive riservate a tali studenti nei corsi di Chimica Generale, Fisica Statistica, Propedeutica Biochimica e Biochimica Generale. La verifica del superamento degli OFA è identificata nel superamento degli esami delle suddette discipline tutti allocati al I anno di Corso. Poiché la classe di laurea LM42 prevede che i laureati nella classe debbano possedere la padronanza scritta e orale di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre all'italiano, per essere ammessi al Corso di Laurea è richiesto il possesso di un livello B1 di conoscenza della lingua Inglese..

  • Orientamento in ingresso:

    Presso il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni animali è presente una Commissione Orientamento e Tutorato composta da docenti del Dipartimento (Prof.ri Manuela Martano, Paola Maiolino, Serena Calabrò, Laura Cortese) e da due rappresentanti degli studenti (Maria Francesca Sgadari e Luca Negrone), che si occupa dell'orientamento degli studenti in entrata, in itinere e in uscita, lavorando a stretto contatto con il Coordinatore del Corso di Studi e con la Commissione didattica. Nell' a.a. 2017/2018 sono stati attribuiti al Dipartimento (bando DR/2017/2235 del 09/06/2017) 12 assegni per l'incentivazione delle attività di tutorato, didattico-integrative, propedeutiche e di recupero, riservati agli studenti meritevoli, che partecipano attivamente a tutte le attività di orientamento del Dipartimento, coordinati dalla commissione orientamento e tutorato. Le attività svolte dagli studenti e dai dottorandi si sono concentrate in attività di tutorato rivolte in particolare agli studenti dei primi anni e agli studenti delle scuole medie superiori nel corso delle giornate di Open days. I Dottorandi stanno inoltre lavorando al progetto di rinnovo del cosiddetto VETMECUM, una brochure dettagliata e contenente tutte le informazioni relative al Corso di Studi. L'orientamento in entrata si rivolge agli allievi delle Scuole Medie Superiori che vogliono conoscere in modo dettagliato i vari Corsi di Laurea e formazione (materie di studio, organizzazione didattica, sbocchi professionali e occupazionali) del Dipartimento di Medicina Veterinaria e produzioni animali. A tale scopo quest'anno, 18 e 20 Aprile 2018, sono state organizzate due giornate di Open days, nelle quali sono state letteralmente aperte le porte della Facoltà in particolare, mostrandone le Strutture e i Servizi e presentando i vari Corsi di Laurea. È un servizio gratuito, svolto volontariamente dai docenti del Dipartimento, con la collaborazione di alcuni dottorandi e rappresentanti degli studenti. Gli allievi delle scuole sono stati accolti in aula, dove è stata presentata loro l'offerta formativa del Dipartimento e discusso circa gli sbocchi occupazionali e professionali. In seguito, suddivisi in piccoli gruppi, hanno visitato le aule, i laboratori didattici e di ricerca del Dipartimento, e l'ospedale veterinario. Al termine della giornata gli studenti hanno ricevuto il materiale illustrativo in merito ai vari corsi e un attestato di partecipazione alla giornata di orientamento. Gli Istituti scolastici coinvolti nell'orientamenti nel 2017/2018 sono stati: LICEO GINNASIO PLINIO SENIORE, Napoli (Prof.ssa Martano, Prof.ssa Calabrò, Proff.ssa Maiolino, Prof. ssa Cortese) n°30 studenti Istituto superiore statale Carlo Levi Marano (Prof.ssa Martano, Prof.ssa Calabrò, Luca Negrone, Proff.ssa Maiolino, Prof. ssa Cortese) N°20 studenti Liceo Brunelleschi (Afragola) (Prof.ssa Martano, Prof.ssa Calabrò, Proff.ssa Maiolino, Prof. ssa Cortese) n°10 studenti Istituto Professionale per l'Agricoltura e l'Ambiente F. Silvestri di Napoli (Prof.ssa Martano, Prof.ssa Calabrò, Proff.ssa Maiolino, Prof. ssa Cortese) Liceo Scientifico "Cuoco Campanella" (Napoli) (Prof.ssa Martano, Prof.ssa Calabrò, Proff.ssa Maiolino, Prof. ssa Cortese) n°10 studenti Liceo artistico Sabatini Menna (salerno) (Prof.ssa Martano, Prof.ssa Calabrò, Proff.ssa Maiolino, Prof. ssa Cortese) n°8 studenti Liceo scientifico Nobel (Torre del Greco) (Prof.ssa Martano, Prof.ssa Calabrò, Proff.ssa Maiolino, Prof. ssa Cortese) n°2 studenti ITG Riccardo Morandi (AQ) Prof.ssa Martano, Prof.ssa Calabrò, Proff.ssa Maiolino, Prof. ssa Cortese) n°2 studenti Istituto Istruzione Superiore Blaise Pascal di Pomezia Prof.ssa Martano, Prof.ssa Calabrò, Proff.ssa Maiolino, Prof. ssa Cortese) n°2 studenti Il Corso di Laurea sempre attraverso la commissione Orientamento e Tutorato ha partecipato, come ogni anno, a UNIV-Expo, il Salone dello Studente campano (12 e 13 Ottobre 2017), durante il quale sono state presentate le offerte formative dei corsi di laurea del Dipartimento e , quest'anno per la prima volta, è stato anche allestito uno spazio della Scuola di Agraria e Veterinaria, dove sono state distribuite le brochures della stessa Scuola, insieme a quelle dei singoli Dipartimenti afferenti ad essa. Il giorno 16 ottobre 2017, giornata iniziale dei corsi del I semestre del I anno, si è tenuta, come ormai di prassi, la giornata di accoglienza per i nuovi immatricolati con la partecipazione del Direttore del Dipartimento, Prof. Gaetano Oliva e del Coordinatore del Corso di studi, Prof.ssa Brunella Restucci e con interventi informativi da parte di: • Presentazione dei corsi del I anno : Prof. Carla Lucini • Presentazione dell'Ospedale Veterinario Universitario Didattico (OVUD) Prof. Gerardo Fatone – Direttore dell'OVUD • Biblioteca: Dott. Vincenzo Freda • ERASMUS: Prof. ssa Laura Rinaldi • Federica e-learning: Dott. ssa Tania Melchionna • Servizi per l'inclusione attiva e partecipata degli studenti: Dott. ssa Brigida Vergona • Rappresentanti studenti e IVSA (International Veterinary Students Association): Gaita Vincenzo, Sgadari Francesca Durante tale giornata agli studenti è stato consegnato il log book, un libretto che funge da vero e proprio diario di bordo nel quale sono elencate le "day-one competencies" secondo i criteri dell'EAEVE.

  • Prova finale:

    La prova finale si svolge con una pubblica presentazione, dinanzi ad un'apposita commissione, di un elaborato scritto che costituisce un' importante dimostrazione della maturità scientifica e culturale raggiunta dallo studente, nonché della sua capacità di elaborare in maniera autonoma e critica il tema oggetto di studio concordato con uno o più Docenti del Corso. Il tema deve riguardare un argomento di interesse medico veterinario e può prevedere la frequenza in laboratori, in campo o in aziende ed Enti convenzionati con la struttura. Il laureando, sotto la guida del docente relatore, deve seguire tutte le fasi necessarie per lo sviluppo dell'elaborato (ricerca bibliografica, attività sperimentali, valutazioni dei risultati).

  • Servizi Aggiuntivi:
    • Biblioteca Centrale Facoltà di Medicina Veterinaria: via Delpino, 1 Napoli - Biblioteche di dipartimento
    • Laboratori didattici presso i dipartimenti di Patologia e Sanità Animale, Scienze Cliniche Veterinarie, Strutture, Funzioni e Tecnologie Biologiche, Scienze Zootecniche e Ispezione degli Alimenti