Architettura - Progettazione architettonica

  • Classe di Laurea: LM-4 Architettura e ingegneria edile-architettura
  • Tipo di corso: Specialistico/Magistrale
  • Area didattica: Architettura
  • Scuola: Scuola Politecnica e delle Scienze di Base
  • Dipartimento: Dipartimento di Architettura
  • Durata: 2 anni
  • Accesso al Corso: Laurea di 1° livello - Numero programmato
  • Coordinatore: Prof.ssa Maria Rosaria SANTANGELO
  • Sito Web: www.architetturamagistrale.unina.it
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Architettura
  • Sportello di Orientamento:
  • Obiettivi specifici:

    La Laurea Magistrale in Architettura-Progettazione Architettonica ha come obiettivo la formazione di un architetto "generalista" (così come previsto dalle direttive 85/384/CEE e CE 2005/36) con specifiche abilità e competenze nel settore della progettazione architettonica, fermo restando il puntuale riferimento agli obiettivi formativi qualificanti della classe. L'acquisizione delle conoscenze e delle competenze connesse alla formazione dell'architetto (e contemplate negli 11 punti del documento europeo) si completa e realizza attraverso le discipline presenti nel percorso biennale. Gli insegnamenti previsti configurano un percorso didattico improntato a un ragionevole equilibrio fra i diversi Settori Disciplinari presenti con eccezione per la progettazione architettonica e urbana, per la progettazione strutturale e per la tecnologia dell'architettura; a questi settori è attribuita una consistente prevalenza in termini di crediti con l'obiettivo esplicito di approfondire le conoscenze e le competenze più strettamente connesse alla progettazione architettonica. L'articolazione degli insegnamenti si sviluppa in quattro semestri e prevede una prevalenza dei laboratori didattici pluridisciplinari (6 su un totale di 10 insegnamenti) rispetto ai corsi integrati e monodisciplinari; e questo con l'obiettivo esplicito di porre il progetto al centro del percorso formativo. In questa logica le attività caratterizzanti sono attribuite ai settori disciplinari che tradizionalmente concorrono alla formazione dell'architetto: ICAR/14 composizione architettonica e urbana – ICAR/18 storia dell'architettura - ICAR/08 scienza delle costruzioni – ICAR/09 tecnica delle costruzioni – ICAR/22 estimo – ICAR/21 urbanistica – ICAR/17 disegno – ICAR/19 restauro – ING-IND/11 fisica tecnica-ambientale – ICAR/12 tecnologia dell'architettura e IUS/10 diritto amministrativo. Nell'ultimo semestre del secondo anno sono previsti laboratori di sintesi finale a scelta dello studente propedeutici, di regola, alla tesi di laurea. I laboratori di sintesi finale sono caratterizzati dai seguenti Settori: ICAR/12 (Tecnologia) - ICAR/13 (Disegno industriale) - ICAR/14 (Composizione architettonica e urbana) - ICAR/15 (Architettura del paesaggio) - ICAR/16 (Architettura degli interni e allestimento) - ICAR/19(Restauro) - ICAR/21(Urbanistica). Il percorso formativo è completato dai crediti attribuiti alle attività a scelta dello studente, ai tirocini e alla tesi di laurea (prova finale).

  • Il corso di studio in breve:

    La Laurea Magistrale in Architettura-Progettazione Architettonica è un corso biennale che ha come obiettivo la formazione dell'architetto così come previsto dalle direttive 85/384/CEE e CE 2005/36, con specifiche abilità e competenze nel settore della progettazione architettonica, fermo restando il puntuale riferimento agli obiettivi formativi qualificanti della classe. Il Corso in Architettura-Progettazione Architettonica è orientato a formare in primo luogo progettisti nel campo dell'Architettura e con particolare attenzione verso discipline progettuali come: Progettazione architettonica, Architettura degli Interni e Disegno Industriale, Restauro, Tecnologia edilizia e ambientale, Architettura del Paesaggio. Lo specifico orientamento progettuale ed il maggiore spazio riservato a tali discipline differenzia il laureato specialistico dal laureato quinquennale generalista. Il Corso è organizzato in corsi monodisciplinari e laboratori semestrali da 50/55 studenti, composti da due discipline caratterizzanti e/o affini integrative. Il CdS prevede dieci esami (sei al primo anno e quattro al secondo anno) più il tirocinio esterno, le attività a scelta dello studente e la prova finale, per complessivi 120 cfu erogati. Il regolamento istituisce alcune propedeuticità tra gli esami. Delle 10 prove di esame, 7 sono costituite da laboratori integrati da due discipline, con il preciso obiettivo di favorire la sintesi ed il confronto tra competenze peculiari a diverse discipline, così come connaturato al progetto architettonico. I Laboratori costituiscono lo strumento didattico di base della formazione di questo CdS; è quindi un obiettivo di primaria importanza per la docenza assicurare un efficiente coordinamento tra i programmi delle diverse discipline che li costituiscono. Essi prevedono costitutivamente lo svolgimento di attività di studio e di progetto in aula, condotte sia singolarmente che in gruppi. La Prova Finale è preceduta da un Laboratorio di Sintesi Finale, a scelta dello studente tra quelli offerti, ed è previsto che comprenda il contributo delle materie progettuali del Corso di Laurea stesso: accanto alla progettazione architettonica, il restauro, la tecnologia e la progettazione esecutiva. Si prevede anche la possibilità che il LSF possa essere diretto da un docente esterno particolarmente qualificato e di riconosciuto livello culturale e professionale. Anche i Tirocini formativi sono un elemento di forte qualificazione nella formazione al MAPA: è previsto che si svolgano sia intra moenia che in strutture esterne all'Università (Enti, studi professionali o Aziende, qualificate e selezionate con cura) secondo programmi concordati insieme al tutor didattico responsabile e vagliati dalla apposita Commissione. IL Corso di Studio promuove, ad integrazione delle attività curricolari, la attivazione di Workshop, visite in cantieri, attività di internazionalizzazione, attraverso anche lo scambio di studenti e docenti. Il Corso di Laurea Magistrale in Progettazione Architettonica ha ottenuto nel 2010 il riconoscimento europeo del titolo di laurea.

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Per l'ammissione al corso di laurea magistrale, occorre essere in possesso,di una Laurea di I° livello in classe L 17 - Scienze dell'Architettura ovvero di una laurea o di un diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo conseguito all'estero, riconosciuto idoneo in cui si siano adempiute quelle attività formative ritenute requisito curriculare indispensabile (così come già indicate nel testo) e che eventuali integrazioni curriculari in termini di crediti formativi universitari devono essere acquisite prima della verifica della preparazione individuale (D.M. 16/03/2007, Art. 6 cc. 1 e 2). L'accesso è consentito ai laureati che abbiano superato una precedente selezione a carattere nazionale. L'accesso al corso di laurea magistrale in Architettura (Progettazione architettonica) è consentito dunque a un laureato triennale con formazione "generalista" che abbia dimestichezza con le tecniche dell'architettura e della sua costruzione con particolare riguardo alle conoscenze di tipo tecnico applicativo e alla capacità di comprensione nei diversi settori che contribuiscono alla formazione dell'architetto: • la progettazione architettonica e urbana • la storia dell'architettura, dell'edilizia, delle teorie dell'architettura e delle belle arti • gli strumenti e le forme del rilievo e della rappresentazione dell'architettura • gli aspetti metodologico-operativi della matematica e dell'informatica • la tecnologia dell'architettura • l'urbanistica, la pianificazione urbanistica e le regolamentazioni e procedure necessarie per realizzare progetti di edifici • il restauro architettonico • le discipline strutturali afferenti ai settori della scienza e della tecnica delle costruzioni • le discipline fisico tecniche e impiantistiche • le discipline estimative E' inoltre richiesta quale requisito d'accesso la capacità di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua europea oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.

  • Orientamento in ingresso:

    L'attività di orientamento del Corso di Studio - articolata secondo tre azioni principali: orientamento in ingresso, orientamento in itinere ed accompagnamento al lavoro (placement) - è condotta in forma coordinata con gli altri Corsi di Studio e Dipartimenti della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base. L'attività di orientamento in ingresso si rivolge agli studenti provenienti dalle scuole secondarie di secondo grado del bacino di riferimento primario dal Corso di Studio. Essa punta a fornire informazioni sul quadro dell'offerta formativa delle diverse aree culturali attraverso la presentazione dei profili culturali e degli sbocchi professionali associati ai diversi corsi di Studio, l'organizzazione didattica, i requisiti culturali ed attitudinali. L'attività di orientamento si sviluppa attraverso tre modalità complementari: a) incontri con la platea studentesca attraverso la partecipazione ad iniziative di orientamento coordinate a livello di Scuola o di Ateneo, b) incontri con classi o gruppi selezionati sia presso le strutture della Scuola che presso gli Istituti scolastici, a seguito di interazioni puntuali con le dirigenze scolastiche, c) divulgazione e disseminazione delle informazioni attraverso specifiche sezioni del portale web della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base (www.scuolapsb.unina.it). Le attività di orientamento in ingresso sono state strutturate attraverso una organizzazione molto razionale ed efficiente basata su: costituzione di un panel di docenti orientatori designati dai Dipartimenti afferenti alla Scuola che hanno operato in stretta cooperazione tra di loro e con la Scuola per la predisposizione di materiale informativo e per l'organizzazione complessiva delle iniziative di orientamento; definizione di un calendario strutturato di seminari informativi dell'offerta didattica, articolata per gruppi disciplinari (Architettura, Ingegneria, Scienze MFN), sulla base di intese stabilite in forma coordinata con istituti scolastici superiori della Regione Campania; organizzazione di una manifestazione Porte Aperte (11, 12 aprile 2019), finalizzata alla presentazione dell'offerta formativa ed alla accoglienza degli studenti delle scuole superiori per visite guidate e brevi seminari; partecipazione a manifestazioni di divulgazione scientifica (Futuro Remoto, cicli seminariali) con la finalità di promuovere la conoscenza e stimolare l'interesse nei settori di pertinenza della Scuola e dei suoi Dipartimenti. Le attività di orientamento sono state associate ad opportune azioni di feedback per il monitoraggio dell'efficacia delle azioni intraprese e l'individuazione di azioni correttive. Il Corso di Studio negli anni precedenti ha inoltre contribuito in forma coordinata con gli altri Corsi di Studio e Dipartimenti della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base allo sviluppo della iniziativa "Federico II nella Scuola" (F2S) (maggio 2016 e giugno 2017) promossa congiuntamente dall'Ateneo e dalla Direzione Scolastica della Regione Campania con la finalità di rafforzare e rendere sistematiche le interazioni tra i Corsi di studio dell'Ateneo e gli Istituti Scolastici Superiori. In questo ambito sono state promosse alcune giornate di studio sui temi dell'orientamento agli studi universitari con la partecipazione di Dirigenti Scolastici e Referenti all'Orientamento di numerosi Istituti Scolastici Superiori della Regione. Inoltre sono stati attivati gruppi di coordinamento bilaterali Università-Scuola per intraprendere azioni rivolte ad un più efficace orientamento ed avviamento agli studi universitari. Sebbene il CdS sia un corso di laurea magistrale, i suoi docenti partecipano alle attività di comunicazione indirizzate alle scuole, sia in sede come nel caso dell'Open Day, sia presso gli istituti scolastici disponibili ad ospitare giornate di orientamento. Tuttavia il carattere peculiare di un corso di laurea magistrale induce ad affiancare a queste attività altre azioni tese a migliorarne l'attrattività nei confronti degli studenti iscritti ai corsi di laurea triennali nell'ambito di un bacino geograficamente più ampio, quali le attività di internazionalizzazione o l'implementazione continua di informazioni reperibili attraverso il sito, come programmi svolti, iniziative o la stessa anagrafe delle tesi di laurea. Altresì risultano importanti le iniziative volte ad intensificare la comunicazione e lo scambio di informazioni con strutture ed enti quali ordini professionali, associazioni di categoria ed istituzioni, che possano costituire un'utile interfaccia con un pubblico di laureati triennali.

  • Prova finale:

    La prova finale per il conseguimento del titolo di dottore magistrale in Architettura consiste nello sviluppo e nella discussione di una tesi condotta sotto la guida di un relatore, docente del Corso di laurea, in una delle discipline previste dall'ordinamento

  • Servizi Aggiuntivi:
    • Biblioteca Centrale Facoltà di Architettura: via Monteoliveto, 3 "Palazzo Gravina" Napoli
    • Biblioteca Dipartimento Configurazione ed Attuazione dell'Architettura: via Tarsia, 31
    • Biblioteca del Corso di Laurea in Edilizia: Complesso S. Maria del Rifugio, Cava dei Tirreni