Biologia

  • Classe di Laurea: LM-6 Biologia
  • Tipo di corso: Specialistico/Magistrale
  • Area didattica: Scienze MM.FF.NN.
  • Scuola: Scuola Politecnica e delle Scienze di Base
  • Dipartimento: Dipartimento di Biologia
  • Durata: 2 anni
  • Accesso al Corso: Laurea di 1° livello
  • Coordinatore: Prof.ssa Giovanna LIVERINI
  • Sito Web: www.dipartimentodibiologia.unina.it/corsi-di-laurea/laurea-in-biologia/
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Scienze MM.FF.NN.
  • Rappresentanti degli Studenti:
    • Danilo Antonio VOCCIA
  • Obiettivi specifici:

    Il Corso di Laurea magistrale in Biologia ha come obiettivi formativi specifici la preparazione di laureati magistrali che siano contraddistinti da una approfondita preparazione scientifica ed operativa nei settori: • genetica dello sviluppo e genetica applicata e diagnostica, • bioinformatica, biochimica e biologia molecolare avanzate, tra cui approfondite conoscenze della struttura e delle funzioni delle macromolecole biologiche e dei processi cellulari nelle quali esse sono coinvolte; • citologia e differenziamento cellulare, riproduzione e sviluppo, • biologia applicata ai microrganismi ed agli organismi complessi, ivi compreso l'uomo; • metabolismo e nutrizione umana; • metodologie impiegate in biochimica, microbiologia, genetica, biologia molecolare, bioinformatica, ingegneria genetica e proteica, ed in analisi metaboliche e nutrizionali, nonché in analisi e manipolazione di macromolecole biologiche, cellule, microrganismi ed organismi complessi. La preparazione tende, inoltre, ad ottemperare a quanto prescritto dal D.P.R. n° 328 del 05/06/2001 pubblicato sulla G.U. n° 190 del 17/08/2001, in particolare all'art. 31 che comprende le attività professionali del Biologo in possesso di Laurea magistrale (sez. A dell'albo professionale dei Biologi). In particolare, il laureato magistrale in Biologia potrà rivestire ruoli di elevata responsabilità da svolgere in autonomia in : • attività di ricerca di base, nonché applicata, ai campi biomedico, microbiologico e biotecnologico in istituti di ricerca pubblici o privati; • attività professionali negli ambiti citologico, molecolare, della nutrizione e della riproduzione legati alle applicazioni biologiche e biochimiche nei settori della sanità, della pubblica amministrazione e dell'industria; • attività di programmazione di interventi nutrizionali per individui e popolazioni; • attività di promozione ed innovazione scientifica e tecnologica in campo genetico e biologico molecolare, nella biologia e tecnologia cellulare, nelle valutazioni metaboliche e nutrizionali, nell'analisi e sviluppo di biomolecole per le applicazioni biomediche ed industriali. Il Corso di studio potrà essere articolato in curricula funzionali a specifiche esigenze formative, che, nell'ambito degli obiettivi formativi comuni enunciati, permettano una preparazione differenziata in relazione a differenti ambiti professionali. Per il raggiungimento dei fini indicati le attività formative della Laurea magistrale in Biologia comprendono attività finalizzate all'acquisizione: • degli strumenti matematici statistici ed informatici, nonché delle conoscenze di tipo fisico e dei principi chimici, finalizzati alla comprensione delle metodologie di indagine in campo genetico e biologico molecolare, nella biologia e tecnologia cellulare, nelle valutazioni metaboliche, nell'analisi e sviluppo di organismi e biomolecole per le applicazioni biomediche ed industriali; • di conoscenze di metodologie informatiche per la manipolazione dei dati genetico-molecolare; • di conoscenze avanzate dei settori della biochimica , della biologia e genetica molecolare e del differenziamento cellulare; • di conoscenze avanzate del metabolismo e della sua regolazione e del ruolo della nutrizione nella promozione e nel mantenimento dello stato di salute; • delle metodologie per la determinazione strutturale e l'analisi delle proprietà funzionali delle biomolecole; • delle tecniche di manipolazione genetica, di ingegneria metabolica e proteica e di modellistica molecolare; • delle tecnologie avanzate per le colture cellulari, per la fecondazione assistita e per l'impiego di cellule staminali anche a fini terapeutici; • delle tecnologie avanzate per valutazioni metaboliche, della composizione corporea e dei fabbisogni nutrizionali; • di un livello di conoscenze della lingua inglese, della letteratura scientifica e delle tecniche informatiche di comunicazione tale da permettere la presentazione e la divulgazione di risultati scientifici in ambienti internazionali. Le attività formative prevedono inoltre l'applicazione delle conoscenze acquisite: • attraverso la pratica di laboratorio per non meno di 30 crediti complessivi, dedicati alla conoscenza di metodiche sperimentale ed elaborazioni di dati; • attraverso l'attività di tirocinio e/o stages, volte alla preparazione della tesi di laurea, presso università italiane ed estere, laboratori di ricerca pubblici o aziende. Gli obiettivi formativi specifici del Corso sono riportati nella guida dello studente di Biologia, sul sito web (http://www.scienzebiologiche.unina.it/Didattica/Guide_studente.htm)

  • Il corso di studio in breve:

    Il Corso di Laurea Magistrale in Biologia ha come obiettivo formativo qualificante la preparazione di laureati, con un'ampia e diversificata preparazione nel campo della Biologia, la cui attività spazia dalla ricerca di base alle applicazioni professionali nel campo della riproduzione e della nutrizione. A tal fine, si articola in tre curricula: Biologia della nutrizione, Biologia del differenziamento e della riproduzione, e Biomolecolare. È prevista un'adeguata preparazione scientifica e operativa in settori quali la biochimica, la genetica molecolare, e la patologia e immunologia, e a secondo del curriculum scelto, in settori quali la biologia molecolare, la bioinformatica, il differenziamento cellulare, la riproduzione, lo sviluppo, il metabolismo e la nutrizione umana. I corsi sono ripartiti in due semestri: il primo, nel periodo compreso fra i mesi di settembre e dicembre e il secondo, fra marzo e giugno. Prevede 9 insegnamenti fondamentali e insegnamenti a scelta dello studente per un totale di 10 CFU, distribuiti tra il primo e il secondo semestre del I anno e il primo semestre del II anno. Il tirocinio e l'attività di tesi dedicata alla conoscenza di metodiche sperimentali e all'elaborazione dei dati, cui sono stati assegnati 35/37 CFU, sono svolti nel secondo semestre del II anno. La Laurea Magistrale si consegue dopo aver superato una prova finale, consistente nella discussione di un elaborato preparato sulla base dell'attività di tesi. La Laurea Magistrale in Biologia da diritto all'ammissione all'esame di Stato per l'iscrizione nella Sezione Senior dell'Albo Professionale dei Biologi, a numerosi corsi di Dottorato di Ricerca e a diverse Scuole di Specializzazione.

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    I laureati delle lauree triennali affini della classe L-13 dell'Ateneo Federico II possono iscriversi al Corso di Laurea Magistrale in Biologia. I laureati provenienti da Corsi di Laurea della classe non affini o da altri Atenei dovranno comunque possedere le seguenti competenze: Conoscenza / Capacità di Comprensione • Nozioni di matematica ed informatica finalizzate all'apprendimento delle discipline del CdS. Fondamenti di statistica per l'analisi e valutazione di dati sperimentali. • Leggi fondamentali della fisica con particolare riguardo alla loro applicazione in campo biologico. Trasformazioni chimiche dal punto di vista cinetico e termodinamico. Stechiometria. Relazioni tra struttura e reattività delle molecole. • Classificazione e biologia degli animali e delle piante e dei microrganismi. Meccanismi riproduttivi. Organizzazione cellulare del vivente. Basi molecolari e citologiche dei tessuti. • Organizzazione strutturale e funzionale delle biomolecole. Principali processi metabolici e loro regolazione. Metabolismo microbico. Tecniche di biologia molecolare. Modalità e applicazioni dell'analisi genetica sia formale sia molecolare. • Biodiversità. Morfogenesi embrionale e meccanismi di differenziamento. Evoluzione biologica. • Interrelazioni tra organismi e ambiente. Ciclo della materia nelle comunità naturali. • Metodiche di colture cellulari. Principali tecniche di ingegneria genetica. Approcci di bioinformatica, fattori di rischio biologico e prevenzione. Basi molecolari del sistema immunitario. Meccanismi e fisiologia della digestione. Regolazione del bilancio energetico. • Conoscenza della lingua inglese per la lettura e comprensione critica di un testo scientifico, esperienza pratica sulle competenze acquisite. Capacità/abilità • Campionamento, osservazione e riconoscimento di cellule e tessuti animali e vegetali. Analisi di sistemi biologici con particolare riguardo alle analisi citologiche, molecolari e metaboliche. Applicazioni della tecnologia del DNA ricombinante. • Capacità di elaborazione di dati analitici e presentazione dei risultati anche tramite l'uso di strumenti informatici. • Capacità di lavorare in gruppo e in maniera autonoma, capacità di aggiornamento. Comportamenti • Consapevolezza dei rischi connessi alle strumentazioni utilizzate ed all'uso dei prodotti chimici e radioattivi e degli organismi geneticamente modificati. • Consapevolezza delle norme di comportamento nei laboratori chimici, biologici e microbiologici, degli aspetti legati alla sicurezza e delle problematiche ambientali. Le richieste di immatricolazioni sono preventivamente valutate da una Commissione, nominata dal CCD ed attualmente costituita dai Proff. Fucci, Liverini e Carotenuto, che sulla base del percorso formativo completato può :1) esprimere parere positivo senza riserve in quanto il richiedente è in possesso delle conoscenze richieste per l'accesso; 2) esprimere parere positivo dopo che lo studente dimostri di aver colmato un numero limitato di debiti formativi fondamentali; 3) esprimere parere negativo in presenza di numerosi e fondamentali debiti formativi, così come riportato nella guida dello studente presente sul sito web del CdS in Biologia. (http://www.scienzebiologiche.unina.it/Didattica/Guide_studente.htm).

  • Orientamento in ingresso:

    L'attività di orientamento del Corso di Studio - articolata secondo tre azioni principali: orientamento in ingresso, orientamento in itinere ed accompagnamento al lavoro (placement) - è condotta in forma coordinata con gli altri Corsi di Studio e Dipartimenti della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base. La Scuola organizza annualmente la manifestazione Porte Aperte per l'orientamento in ingresso. Nel 2019, la manifestazione per i CdS afferenti al Dipartimento di Biologia si è svolta nei giorni 13 e 14 febbraio. La Manifestazione Porte Aperte è largamente pubblicizzata sia sui siti web del CdS, del Dipartimento di Biologia e della Scuola, sia sul giornale ATENEAPOLI quindicinale di informazione universitaria delle Università campane. In tale occasione, il Coordinatore illustra il percorso formativo del CDS Magistrale in Biologia e le prospettive di lavoro dei laureati magistrali agli studenti provenienti sia dalle lauree triennali afferenti al Dipartimento di Biologia sia provenienti dai corsi di laurea triennali di altre Università Campane. La Manifestazione rappresenta un'occasione unica per una presa di contatto degli studenti triennali con le varie proposte di lauree magistrali offerte dal Dipartimento di Biologia e per gli studenti provenienti da altre Università campane anche un'occasione di prendere contatto con la realtà universitaria, gli ambienti fisici, e i servizi del plesso di Monte S. Angelo, dell'Università Federico II di Napoli. Tenendo presente che un elevato numero di immatricolati alla laurea Magistrale proviene dalla Laurea triennale in Biologia generale ed applicata afferente al Dipartimento di Biologia, la funzione di orientamento in ingresso viene anche svolta dai singoli docenti della laurea triennale, in particolar modo quelli di riferimento per il lavoro di tesi triennale. Il riferimento di orientamento in ingresso per tutti gli studenti che non provengono dalla suddetta laurea triennale è il Coordinatore del CdS insieme con l'Area didattica di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base che offre un servizio di orientamento durante l'intero anno accademico. In particolare, gli studenti già laureati o laureandi provenienti da altri CdS della Federico II o da altre Università possono contattare il Coordinatore per avere informazioni sulla modalità di ammissione, sull'eventuale riconoscimento dei crediti, sugli obiettivi del CdS e sugli sbocchi professionali. Inoltre, informazioni sui requisiti richiesti per l'immatricolazione al CdS in Biologia sono riportati sul sito internet del CdS (http://www.dipartimentodibiologia.unina.it/corsi-di-laurea/laurea-in-biologia/), alla voce Avvisi- Requisiti per l'immatricolazione al Corso di Laurea Magistrale in Biologia.

  • Prova finale:

    La laurea magistrale in Biologia si consegue dopo aver superato una prova finale, consistente nella discussione di un elaborato in cui sono riportati i risultati di una ricerca scientifica o tecnologica originale per cui si richiede un'attività di lavoro sperimentale su un argomento scientifico preventivamente concordato con un relatore afferente al CdS, che supervisionerà l'attività nelle sue diverse fasi. Gli studenti che abbiano acquisito almeno 28 CFU devono effettuare domanda di assegnazione delle attività, oggetto della prova finale, ad un'apposita Commissione nominata dal CCD (verbale n.1 del 23/10/13) costituita attualmente dai Proff. Frunzio, Picariello e Limauro. La Commissione procede all'attribuzione delle attività, designando anche un relatore, tra i docenti del corso, che dovrà seguire sotto la sua responsabilità il lavoro del laureando, con particolare riguardo alla stesura della relazione finale. L'attività svolta nell'ambito della tesi sperimentale potrà essere effettuata sia nell'interno delle strutture universitarie, sia presso centri di ricerca, aziende o enti esterni, secondo modalità stabilite dal CdS. La discussione della tesi avviene alla presenza di una commissione giudicatrice, costituita da almeno sette docenti e potrà prevedere l'utilizzo di sussidi audio-visivi. Al termine della discussione ogni membro della commissione esprime il proprio giudizio. Il voto finale attribuito allo studente si ottiene tenendo conto della carriera dello studente, della relazione finale presentata e dell'esposizione davanti alla commissione. La commissione giudicatrice per la prova finale esprime la votazione in centodecimi. All'unanimità la commissione può concedere la lode al candidato che consegue il massimo dei voti. Per quanto riguarda le attività di ricerca svolte nei laboratori del Dipartimento di Biologia, gli argomenti di ricerca trattati e la descrizione delle relative metodologie sperimentali sono presenti sul sito web (http://www.scienzebiologiche.unina.it/ACG/N92.html)

  • Servizi Aggiuntivi:
    • Complesso Universitario Monte Sant'Angelo, via Cinthia, Napoli;
    • Biblioteca Centrale: Centri Comuni;
    • Laboratori didattici di Biologia e Aule Didattiche Multimediali: Dip Biologia strutturale e funzionale;
    • Laboratori didattici di Chimica: Dipartimento Chimica e Chimica Organica e Biochimica;
    • Laboratorio didattico di Fisica: Dip. Scienze Fisiche.