Scienze Biologiche

  • Classe di Laurea: LM-6 Biologia
  • Tipo di corso: Specialistico/Magistrale
  • Area didattica: Scienze MM.FF.NN.
  • Scuola: Scuola Politecnica e delle Scienze di Base
  • Dipartimento: Dipartimento di Biologia
  • Durata: 2 anni
  • Accesso al Corso: Laurea di 1° livello
  • Coordinatore: Prof.ssa Vincenza LA FORGIA
  • Sito Web: www.dipartimentodibiologia.unina.it/corsi-di-laurea/laurea-in-biologia
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area didattica Scienze MM.FF.NN.
  • Sportello di Orientamento:
    • Sede di Monte S. Angelo: Via Cintia, 26 - Ed. Centri Comuni - Complesso Universitario Monte S.Angelo - Napoli
      • Telefono: 081-676744
      • Fax: 081-676710
    • Sede di Mezzocannone: Via Mezzocannone, 16 - 80134 Napoli
      • Telefono: 081-2534691
      • Fax: 081-2534688
    • e-mail: scienze.mfn.orienta@unina.it
    • Referente: prof.ssa Lucia Civetta
  • Rappresentanti degli Studenti:
    • Nicola RUSSO
    • Ernesto ACCIARINO
  • Obiettivi specifici:

    La laurea magistrale in Scienze Biologiche ha come obiettivo formativo qualificante la preparazione di laureati che avranno: a) una preparazione culturale solida ed integrata nella biologia di base e in diversi settori della biologia applicata; b) un'elevata preparazione scientifica e operativa nelle discipline che caratterizzano la classe; c) un'approfondita conoscenza dei problemi biologici, delle metodologie strumentali, degli strumenti analitici e delle tecniche di acquisizione e analisi dei dati in tutti i campi della biologia, con particolare riguardo all'indagine fisiopatologica, ecologica e di biosicurezza; d) un'approfondita conoscenza, sia concettuale che operativa, delle metodologie impiegate nella biochimica, bioinformatica,biologia molecolare, genetica, microbiologia, comprese la manipolazione e le analisi delle macromolecole biologiche, dei microrganismi, delle cellule e degli organismi complessi per l'indagine fisiopatologica, ambientale e della sicurezza biologica; c) un'avanzata conoscenza degli strumenti matematici ed informatici di supporto; d) capacità di apprendere ed applicare le innovazioni in campo tecnico e sperimentale; e) capacità di utilizzare fluentemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell'Unione Europea oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari; f) capacità di lavorare con ampia autonomia, anche assumendo ruoli direttivi che prevedano completa responsabilità di progetti, strutture e personale. La preparazione impartita consentirà ai laureati della classe di svolgere attività professionali riconosciute dalle normative vigenti come competenze della figura professionale del biologo (Sez A dell'albo professionale) in tutti gli specifici campi di applicazione come riportato nel comma 1 dell'articolo 31 del DPR 328-5 giugno 2001 (Supplemento G.U. 190- 17 giugno 2001) e nella legge 396 del 24/05/67 sull'ordinamento della professione di biologo. La laurea magistrale in Scienze Biologiche formerà figure di ampio spessore culturale e di alto profilo professionale la cui attività potrà andare dalla ricerca di base, tesa alla maggiore comprensione dei fenomeni biologici, allo sviluppo dell'innovazione scientifica e tecnologica. I laureati avranno come principali sbocchi occupazionali : - attività di promozione e sviluppo dell'innovazione scientifica e tecnologica, nonché digestione e progettazione delle tecnologie; - attività professionali e di progetto in ambiti correlati con le discipline biologiche, negli istituti di ricerca, pubblici e privati, nei settori dell'industria, della sanità e della pubblica amministrazione, con particolare riguardo alla conoscenza integrata e alla tutela degli organismi animali e vegetali, dei microrganismi, della biodiversità, dell'ambiente; alla diffusione e divulgazione scientifica delle relative conoscenze; all'uso regolato e all'incremento delle risorse biotiche; ai laboratori di analisi cliniche, biologiche e microbiologiche, di controllo biologico e di qualità dei prodotti di origine biologica e delle filiere produttive; alla progettazione, direzione lavori e collaudo di impianti relativamente ad aspetti biologici (es. impianti di depurazione); alle applicazioni biologico-molecolari in campo industriale, sanitario, alimentare, ambientale e dei beni culturali. -Il laureato magistrale potrà inserirsi nel campo dell'informazione medico-scientifica e, dopo prosecuzione degli studi, nel campo dell'insegnamento nelle scuole medie e superiori. Il corso di studio è articolato in curricula che consentono una preparazione differenziata in relazione a diversi ambiti professionali. Il percorso didattico è organizzato per dare conoscenze approfondite e competenze professionali nei campi della valutazione della qualità ambientale, della valutazione e conservazione della biodiversità, nell'indagine fisiopatologica e di diagnostica molecolare, nella sicurezza biologica in tutte le sue accezioni. Ai fini indicati il percorso comprende: 1) attività formative finalizzate ad acquisire conoscenze approfondite della biologia di base e delle sue applicazioni, con particolare riguardo alle conoscenze applicative, relativamente a biomolecole, cellule, tessuti e organismi in condizioni normali e alterate, alle loro interazioni reciproche, agli effetti ambientali e biotici sugli esseri viventi, al controllo biologico della sicurezza; all'acquisizione di tecniche utili per la comprensione dei fenomeni a livello biomolecolare e cellulare; al conseguimento di competenze specialistiche in uno specifico settore della biologia di base o applicata; 2) attività formative tese all'acquisizione di conoscenze e competenze moderne nel campo della fisiologia, della patologia, dell'ecologia, della biosicurezza e del controllo di qualità; 3) attività di laboratorio, in particolare dedicate all'apprendimento di metodiche sperimentali, comprese quelle avanzate e molecolari per le indagini fisiopatologiche, ecologiche e di biosicurezza e all'elaborazione dei dati in relazione a obiettivi specifici; 4) attività esterne come tirocini formativi presso aziende, strutture della pubblica amministrazione e laboratori, e/o soggiorni di studio presso altre università italiane ed europee, anche nel quadro di accordi internazionali; 5) l'espletamento di una prova finale con la produzione di un elaborato originale in cui vengano riportati i risultati di una ricerca scientifica o tecnologica per cui si richiede un'attività di lavoro. Il tempo riservato allo studio personale o ad altre attività formative di tipo individuale è superiore al 60% (66%) dell'impegno orario complessivo per le attività di didattica frontale ed al 50% per attività formative ad elevato contenuto sperimentale e pratico.

  • Il corso di studio in breve:

    Il Corso di Laurea magistrale in Scienze biologiche si articola in tre indirizzi diversi che rispondono a tre aree culturali diverse nell'ambito della biologia. Due di essi trovano naturale corrispondenza in indirizzi della laurea triennale. La filosofia generale è quella di fornire una preparazione che includa contenuti applicativi; sono pertanto previsti insegnamenti specializzati nelle varie aree disciplinari, piuttosto che approfondimenti ulteriori delle discipline biologiche di base. Per la stessa ragione, tutti e tre gli indirizzi prevedono un numero elevato di CFU destinati al lavoro di tesi (35-40). Lo studente può scegliere tra un indirizzo di,Biologia ambientale, uno di Diagnostica molecolare e uno di Biosicurezza.

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    I laureati delle lauree triennali affini della classe L-13 possono iscriversi al Corso di Laurea Magistrale in Scienze Biologiche. I laureati provenienti da Corsi di Laurea della classe non affini dovranno comunque possedere le seguenti competenze: Conoscenza / Capacità di Comprensione • Nozioni di matematica ed informatica finalizzate all'apprendimento delle discipline del CdS. Fondamenti di statistica per l'analisi e valutazione di dati sperimentali. • Leggi fondamentali della fisica con particolare riguardo alla loro applicazione in campo biologico. Trasformazioni chimiche dal punto di vista cinetico e termodinamico. Stechiometria. Relazioni tra struttura e reattività delle molecole. • Classificazione e biologia degli animali e delle piante e dei microrganismi. Meccanismi riproduttivi. Organizzazione cellulare del vivente. Basi molecolari e citologiche dei tessuti. • Organizzazione strutturale e funzionale delle biomolecole. Principali processi metabolici e loro regolazione. Metabolismo microbico. Tecniche di biologia molecolare. Modalità e applicazioni dell'analisi genetica sia formale sia molecolare. • Biodiversità. Morfogenesi embrionale e meccanismi di differenziamento. Evoluzione biologica. • Interrelazioni tra organismi e ambiente. Ciclo della materia nelle comunità naturali. • Metodiche di colture cellulari. Principali tecniche di ingegneria genetica. Approcci di bioinformatica, fattori di rischio biologico e prevenzione. Basi molecolari del sistema immunitario. Meccanismi e fisiologia della digestione. Regolazione del bilancio energetico. • Conoscenza della lingua inglese per la lettura e comprensione critica di un testo scientifico, esperienza pratica sulle competenze acquisite. Capacità/abilità • Campionamento, osservazione e riconoscimento di cellule e tessuti animali e vegetali. Analisi di sistemi biologici con particolare riguardo alle analisi citologiche, molecolari e metaboliche. Applicazioni della tecnologia del DNA ricombinante. • Capacità di elaborazione di dati analitici e presentazione dei risultati anche tramite l'uso di strumenti informatici. • Capacità di lavorare in gruppo e in maniera autonoma, capacità di aggiornamento. Comportamenti • Consapevolezza dei rischi connessi alle strumentazioni utilizzate ed all'uso dei prodotti chimici e radioattivi e degli organismi geneticamente modificati. • Consapevolezza delle norme di comportamento nei laboratori chimici, biologici e microbiologici, degli aspetti legati alla sicurezza e delle problematiche ambientali. Eventuali modalità di accesso saranno definite nel Regolamento di CdS.

  • Orientamento in ingresso:

    L'attività di orientamento del Corso di Studio - articolata secondo tre azioni principali: orientamento in ingresso, orientamento in itinere ed accompagnamento al lavoro (placement) - è condotta in forma coordinata con gli altri Corsi di Studio e Dipartimenti della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base. L'attività di orientamento in ingresso si rivolge agli studenti provenienti dalle scuole secondarie di secondo grado del bacino di riferimento primario dal Corso di Studio. Essa punta a fornire informazioni sul quadro dell'offerta formativa delle diverse aree culturali attraverso la presentazione dei profili culturali, degli sbocchi professionali associati ai diversi Corsi di Studio e dell'organizzazione didattica. L'attività di orientamento si sviluppa attraverso quattro modalità complementari: a) incontri con la platea studentesca attraverso la partecipazione ad iniziative di orientamento coordinate a livello di Scuola o di Ateneo; b) incontri con classi o gruppi selezionati sia presso le strutture della Scuola che presso gli Istituti scolastici, a seguito di interazioni puntuali con le dirigenze scolastiche; c) attività PLS (Piano Lauree Scientifiche) Biologia/Biotecnologie; d) divulgazione e disseminazione delle informazioni attraverso specifiche sezioni del portale web della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base (www.scuolapsb.unina.it). Le attività di orientamento in ingresso sono state strutturate attraverso una organizzazione razionale ed efficiente basata su: • costituzione di un "panel" di docenti orientatori designati dai Dipartimenti afferenti alla Scuola che hanno operato in stretta cooperazione tra di loro e con la Scuola per la predisposizione di materiale informativo e per l'organizzazione complessiva delle iniziative di orientamento; • definizione di un calendario strutturato di seminari informativi dell'offerta didattica, articolata per gruppi disciplinari (Architettura, Ingegneria, Scienze MM.FF.NN.), sulla base di intese stabilite in forma coordinata con Istituti scolastici superiori della Regione Campania; • organizzazione della manifestazione "Porte Aperte", della durata di 2 giorni nel mese di febbraio 2019 finalizzata alla presentazione dell'offerta formativa sia della laurea triennale in Biologia che della Laurea magistrale in Scienze Biologiche,ed alla accoglienza di studenti delle scuole superiori per visite guidate e seminari interattivi nei laboratori dipartimentali. • partecipazione a manifestazioni di divulgazione scientifica (Futuro Remoto, cicli seminariali) con la finalità di promuovere la conoscenza e stimolare l'interesse nei settori di pertinenza della Scuola e dei suoi Dipartimenti. Le attività di orientamento sono state associate ad opportune azioni di verifica per il monitoraggio dell'efficacia delle azioni intraprese e all'individuazione di azioni correttive. Il Corso di Studio ha, inoltre, contribuito in forma coordinata con gli altri Corsi di Studio e Dipartimenti della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base, allo sviluppo della iniziativa "Federico II nella Scuola" promossa congiuntamente dall'Ateneo e dalla Direzione Scolastica della Regione Campania, con la finalità di rafforzare e rendere sistematiche le interazioni tra i Corsi di Studio dell'Ateneo e gli Istituti Scolastici Superiori. L'iniziativa ha previsto incontri periodici tra docenti universitari e docenti Referenti all'Orientamento di numerosi Istituti Scolastici Superiori della Regione per intraprendere azioni condivise per rendere più efficace l'orientamento agli studi universitari e facilitare la transizione scuola-università. L' attività di orientamento è svolta principalmente dalla Scuola PSB con l'ausilio di docenti designati dai singoli Consigli di Dipartimento (Rosanna del Gaudio, per il corso di laurea in Scienze Biologiche), e si articola in diverse fasi: 1) Presentazioni del percorso formativo con interventi dei docenti Orientatori presso gli Istituti Secondari Superiori. Gli Istituti interessati possono richiedere lo svolgimento di seminari informativi alla Scuola Politecnica e delle Scienze di Base al seguente indirizzo e-mail: presidente.spsb@unina.it. Il docente orientatore offre una panoramica della struttura del CdS relativamente ai corsi di laurea triennale e di laurea magistrale in Scienze Biologiche e dei possibili sbocchi occupazionali, illustrando anche i pre-requisiti e le modalità di accesso. E' lasciato ampio spazio agli interventi degli studenti, affinchè possano discutere sui propri dubbi ed effettuare una scelta più consapevole del corso di studio. Tale attività svolta presso diversi Istituti Superiori ha visto coinvolti numerosi studenti. 2) Giornate di Orientamento presso il Dipartimento di Biologia Il Dipartimento di Biologia in occasione della manifestazione Porte Aperte 2019 (11-14 Febbraio 2019) promossa dalla Scuola Politecnica e delle Scienze di Base, ha ospitato diversi gruppi di studenti (30 studenti per gruppo) provenienti da diversi Istituti Secondari Superiori di Napoli. In tali occasioni, agli studenti ospiti: a) è stato illustrato il percorso formativo triennale e magistrale dei CdS afferenti al Dipartimento; b) sono state fornite informazioni sul test di ammissione per il percorso triennale e sulle modalità di accesso al successivo percorso magistrale; c) si sono svolte attività laboratoriali pratiche presso i laboratori didattici del Dipartimento. Tale attività è stata coordinata della Commissione Orientamento del CdS, supportata da diversi ricercatori, dottorandi e studenti universitari part-time, ed ha visto la partecipazione anche di alcuni docenti del Corso di Studi. Le attività pratiche in laboratorio consentono agli studenti di utilizzare l'approccio sperimentale, stimolando l'interesse verso il Corso di Studio. 3) Presentazione del CdS nell'ambito del Salone dello Studente Campano Univexpo 2018 svoltosi nei giorni 11 e12 Ottobre 2018 nel Plesso Universitario di Monte Sant'Angelo. Ha contribuito all'organizzazione dell'evento la Scuola Politecnica e delle Scienze di Base. http://www.scuolapsb.unina.it/index.php/orientamento 4) Progetto AIRCampus 27 novembre 2018: Biologia e Società: comunicare e divulgare la scienza. Sono intervenute La giornalista Scientifica Barbara Gallavotti autrice televisiva con un intervento dal titolo "Raccontami una storia: la Biologia dei Sistemi" e la giornalista scientifica Daniela Ovadia con un intervento dal titolo "Perche è difficile parlare di Biologia al grande pubblico: tra scienza e decisioni personali". Sono stati invitati studenti di 8 scuole superiori campane e delle lauree triennali in Biologia, Scienze Biologiche e SteNA. 5) Sponsorizzazione da parte della CCD del CdS dell' "Unistem day 2019", una giornata di divulgazione scientifica sulle cellule staminali diretta agli studenti delle scuole superiori, svoltasi il 15 marzo 2019 nell'aula Ciliberto del complesso Universitario di Monte S. Angelo. Tale evento ha visto la partecipazione di circa 700 studenti del III, IV e V anno di 13 scuole superiori campane, accompagnati da circa 20 insegnanti. La manifestazione è stata preceduta da un incontro preparatorio degli organizzatori con i docenti delle scuole partecipanti svoltosi nel Dicembre 2018. L'incontro aveva lo scopo di condividere l'organizzazione della manifestazione e fornire materiale scientifico-divulgativo alle scuole, per rendere gli studenti partecipanti più consapevoli e motivati. L'evento è stato organizzato dalla Prof.ssa Marianna Crispino del Dipartimento di Biologia e dalle Prof.sse Carla Perrone Capano e Floriana Volpicelli del Dipartimento di Farmacia 6) L'Unistem day è incluso tra le attività del Piano nazionale Lauree Scientifiche (PLS), a cui il Dipartimento di Biologia partecipa dal 2016. Si tratta di un progetto nazionale, che include 44 atenei inclusa la Federico II (referente locale, prof.ssa Marianna Crispino del Dipartimento di Biologia), ed ha lo scopo di avvicinare gli studenti degli ultimi anni delle scuole secondarie alle discipline scientifiche organizzando attività di laboratorio affinchè facciano una scelta universitaria consapevole. Nel 2019 sono stati organizzati 5 laboratori PLS a ciascuno dei quali hanno partecipato circa 100 studenti di scuole superiori campane. Il PLS prevede anche la formazione insegnanti, e a tal proposito, è stato organizzato: a) un corso di formazione su piattaforma S.O.F.I.A., dal titolo "Il meraviglioso viaggio della biologia dalla cellula agli ecosistemi" , costituito da 11 lezioni. b) Scuola estiva per insegnanti, su piattaforma S.O.F.I.A., dal titolo "Periodicità e formalizzazione nella Didattica delle Scienze e della Matematica nella scuola secondaria di primo e secondo grado", organizzata in maniera congiunta dai PLS di Biologia/Biotecnologie, Fisica, Matematica, Chimica, Geologia, Scienze dei Materiali, Informatica, si terrà dal 15 al 19 luglio 2019. Per quanto riguarda invece l'attività di autovalutazione PLS, sono state organizzate: a) syllabus di biologia: nel 2017 è stata effettuata insieme agli insegnanti una scelta delle domande più appropriate nell'ambito di quelle utilizzate dal CISIA negli ultimi 5 anni per i test d'ingresso. Il test da 20 domande è stato somministrato in classe a più di 1000 studenti, i risultati sono stati confrontati con quelli nazionali e analizzati in un incontro con gli insegnanti che si è tenuto il 18/1/19. b) simulazione del test d'ingresso con moduli di biologia, fisica, matematica e scienze della terra; organizzato con la partecipazione dei PLS di Biologia/Biotecnologie, Chimica, Fisica, Geologia, Informatica, Matematica e Scienze dei Materiali, somministrato a circa 650 studenti, il 13 e 14 febbraio 2019, nell'ambito della manifestazione Porte aperte 2019, nelle aule di Monte S. Angelo. c) Concorso online CusMiBio (si terrà il 23 maggio 2019), verte su temi di biologia molecolare, genetica e biotecnologie ed è rivolto agli studenti del IV e V anno delle scuole superiori campane. Link orientamento: http://www.dipartimentodibiologia.unina.it/orientamento-in-ingresso/ Un'altra delle azioni PLS è rivolta alla riduzione dell'abbandono nei primi anni dei corsi di laurea triennali, e si configura anche come attività di orientamento per la laurea magistrale. A questo scopo è stato avviato un progetto in collaborazione con il centro SINAPSI di Ateneo (Servizi per l'Inclusione Attiva e Partecipata degli Studenti, www.sinapsi.unina.it) grazie al quale è stato messo a punto un questionario sull'Esperienza Universitaria degli Studenti. Si tratta di uno strumento di indagine multidimensionale, che ha richiesto le competenze dei gruppi di ricerca di didattica disciplinare, psicologia dell'educazione e scienze statistiche. La somministrazione (in corso in questi giorni) è relativa agli studenti del I anno per individuare profili di studenti a rischio drop-out, ma anche agli studenti del III anno per valutarne la propensione verso i corsi di laurea magistrale. In accordo con le linee guida del PLS l'intervento per ridurre il tasso di abbandono è stato progettato anche attraverso l'innovazione di strumenti e metodologie didattiche. A questo scopo è stata organizzata una tavola rotonda relativa alla didattica innovativa (17 gennaio 2019) a cui ha partecipato la Prof.ssa Bianca Maria Lombardo, Delegato del Rettore alla Didattica dell'Università di Catania, con un intervento dal titolo: "Strategie di innovazione didattica: Le esperienze degli atenei Italiani". L'ampia discussione ha visto coinvolti numerosi docenti del CdS, il coordinatore, il presidente e il vicepresidente della Scuola politecnica e delle Scienze di Base. Infine, seguendo le linee guida del PLS che prevedono formazione, supporto e monitoraggio dell'attività dei tutor di Ateneo, alla formazione tutor già prevista dal CdS si è affiancata un'attività di formazione tutor organizzata da SINAPSI. Gli operatori SINAPSI hanno realizzato un ciclo di tre incontri (14 dicembre 2018, 22 febbraio 2019 e 5 aprile 2019) con i tutor A e B in cui sono state rilevate le criticità e si è ampiamento discusso con i tutor sulle possibili modalità di miglioramento dell'attività di tutoraggio. Nell'ultimo incontro la Sezione di Promozione dell'Occupabilità di SINAPSI ha somministrato ai tutor un test AVO Giovani il cui risultato sarà discusso in una prossima riunione. Infine, l'Area didattica di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base offre un servizio di orientamento durante l'intero anno accademico. Inoltre, il Coordinatore del CdS effettua orientamento in ingresso e in itinere ricevendo bisettimanalmente i potenziali studenti magistrali e valutando informalmente i curricula pregressi degli studenti che provengono da lauree triennali di altri Atenei o da percorsi non naturali. La valutazione viene effettuata in base a norme stabilite dal CCD e indicate nella guida dello studente (http://www.dipartimentodibiologia.unina.it/corsi-di-laurea/laurea-in-Scienze biologiche/)

  • Prova finale:

    Lo studente della laurea magistrale dovrà svolgere durante il suo corso una tesi sperimentale alla quale saranno dedicati 40 crediti. In questo periodo pari ad 800 ore lo studente dovrà frequentare un laboratorio di ricerca pubblico o privato per attendere ad una ricerca scientifica o tecnologica applicata ad un problema biologico. Dovrà produrre un elaborato in cui siano chiaramente riportati il problema studiato, l'approccio sperimentale utilizzato, i risultati ottenuti e la discussione critica di questi e ne dovrà saper discutere i contenuti durante la prova d'esame conclusiva del suo Corso di Studi

  • Servizi Aggiuntivi:
    • Laboratori didattici: Mezzocannone 8 e 16 e Orto Botanico;
    • Biblioteche didattiche: Mezzocannone 8 e16;
    • Aule studio: Mezzocannone 8 - 16 e Aule multimediali: Mezzocannone 8 - 16
    • Segreteria on line (segrepass);
    • Pagamento tasse on line(campus web pay);
    • Immatricolazioni on line (segrepass)