Scienze infermieristiche ed ostetriche

  • Classe di Laurea: LM/SNT1 - Scienze infermieristiche e ostetriche
  • Tipo di corso: Specialistico/Magistrale
  • Area didattica: Medicina e Chirurgia
  • Scuola: Scuola di Medicina e Chirurgia
  • Durata: 2 anni
  • Accesso al Corso: Laurea di 1° livello - Numero programmato
  • Coordinatore: Prof. Massimo NIOLA
  • Sito Web: m91.corsidistudio.unina.it/
  • Ufficio Segreteria Studenti: Segreteria Studenti Area Didattica Medicina e Chirurgia
  • Obiettivi specifici:

    Il laureato magistrale, al termine del percorso biennale, deve essere in grado di: - rilevare e valutare criticamente l'evoluzione dei bisogni dell'assistenza pertinenti alla specifica figura professionale, anche nelle connotazioni legate al genere, ove richiesto; - promuovere processi decisionali centrati sull'utente e sulla famiglia; - progettare e intervenire operativamente in ordine a problemi assistenziali e organizzativi complessi; - costruire, sulla base dell'analisi dei problemi di salute e dell'offerta dei servizi, modelli assistenziali e ostetrici innovativi e un sistema di standard assistenziali e di competenza professionale; - programmare, gestire e valutare i servizi assistenziali nell'ottica del miglioramento della qualità; - collaborare alla pianificazione e gestione dei costi e del budget in relazione agli obiettivi ed alle politiche assistenziali/sanitarie; - partecipare alla pianificazione del fabbisogno personale di assistenza e attribuirlo alle unità operative sulla base della valutazione della complessità e necessità dei pazienti; - pianificare e coordinare il reclutamento, l'assunzione, l'orientamento, il coaching e la valutazione delle performance del personale sanitario che afferisce al Servizio; - identificare future abilità/competenze necessarie per garantire l'eccellenza, nuove riorganizzazioni o nuovi servizi; - valutare la soddisfazione lavorativa e la qualità del lavoro, sviluppare strategie per motivare e trattenere i professionisti; - valutare le competenze del personale per accrescerne le potenzialità professionali; - assicurare che gli operatori dell'assistenza e i loro coordinatori siano coinvolti nei processi decisionali che influenzano la loro pratica; - contribuire alla definizione di un piano sistematico di miglioramento continuo della qualità e definire standard e indicatori condivisi per la valutazione dell'assistenza pertinente; - supervisionare l'assistenza pertinente alla specifica figura professionale e svolgere azioni di consulenza professionale; - applicare e valutare l'impatto di differenti modelli teorici nell'operatività dell'assistenza; - analizzare criticamente gli aspetti etici correlati all'assistenza e a problemi multiprofessionali e multiculturali; - sviluppare l'analisi storico filosofica del pensiero assistenziale infermieristico e ostetrico; - progettare, realizzare e valutare gli esiti di interventi formativi; - progettare percorsi formativi di base, specializzanti e di formazione continua pertinenti ai bisogni dei destinatari e correlati ai problemi di salute e dei servizi; - sviluppare l'insegnamento disciplinare infermieristico o infermieristico pediatrico ostetrico; - gestire processi tutoriali per facilitare l'apprendimento sul campo e per garantire tirocini di qualità per studenti impegnati nei divesri livelli formativi di base, avanzata e permanente; - progettare e realizzare, in collaborazione con altri professionisti, interventi educativi e di sostegno del singolo e della comunità per l'autogestione e il controllo dei fattori di rischio e dei problemi di salute; - utilizzare metodi e strumenti della ricerca, pertinenti alla figura professionale, nelle aree clinico-assistenziali, nell'organizzazione e nella formazione; - identificare specifici problemi e aree di ricerca in ambito clinico, organizzativo e formativo; - applicare i risultati di ricerca adattandola ai contetsi specifici per un continuo miglioramento della qualità dell'assistenza; - sviluppare la ricerca e l'insegnamento riguardo a specifici ambiti della disciplina pertinente alla specifica figura professionale e dell'assistenza; - utilizzare la tecnologia informatica per documentare e monitorare le competenze cliniche e le performance del personale, per definire carichi di lavoro delle unità operative/dipartimenti, gli standard assistenziali erogati. Descrizione percorso formativo: 1° anno – finalizzato a fornire i modelli concettuali e metodologici delle 4 aree di competenza del laureato magistrale: Area della ricerca - metodi della statistica medica e sociale, di analisi critica della letteratura, metodologia della ricerca e di una pratica sanitaria basata sulle evidenze. Area disciplinare – teoria e filosofia delle Scienze Infermieristiche e Ostetriche e approfondimenti bioetici e antropologici. Area del management – principi e metodi di economia e programmazione sanitaria, approfondimenti di diritto amministrativo e del lavoro. Area formativa – modelli teorici di psicologia sociale, psicologia dei gruppi, teorie dell'apprendimento degli adulti e metodologie tutoriali. E' prevista un'esperienza di stage, in servizi accreditati a scelta dello studente, finalizzata a costruire un project work per il miglioramento di un problema professionale rilevante per la pratica. 2° anno – finalizzato ad applicare e contestualizzare i modelli teorici e le metodologie apprese nelle 4 aree di competenza del laureato magistrale e con specifico riferimento ai futuri contesti lavorativi: Area della ricerca – analisi di studi della ricerca organizzativa, pedagogica e clinico-professionale e allenamento alla deduzione delle implicazioni per la pratica. Area disciplinare – approfondimento di rilevanti processi assistenziali e ostetrici al fine di progettare modelli innovativi e a forte impatto sulla qualità dell'assistenza per gli utenti. Area del management – approfondimento delle strategie di direzione e gestione dei servizi professionali e sanitari in base a criteri di efficienza ed efficacia, di gestione delle risorse umane, di progettazione degli strumenti di integrazione organizzativa e di valutazione della qualità delle prestazioni. Area formativa – approfondire la progettazione e gestione di sistemi formativi di base e avanzati specifici delle professioni infermieristiche e ostetriche, e delle attività di educazione continua. E' prevista un'esperienza di stage di 1 mese in servizi accreditati a scelta dello studente (Direzioni Infermieristiche e Ostetriche, Servizi Formazione, Centri di Ricerca, Uffici Qualità, Società di Consulenza Organizzativa in Sanità).

  • Il corso di studio in breve:

    Il Corso di Laurea Magistrale nelle Scienze Infermieristiche ed Ostetriche, ai sensi dell'articolo 6, comma 3 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni e integrazioni e ai sensi della legge 10 agosto 2000, n. 251, articolo 1, comma 1, possiedono una formazione culturale e professionale avanzata per intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca in uno degli ambiti pertinenti alle diverse professioni sanitarie ricomprese nella classe (infermiere, ostetrica/o, infermiere pediatrico).

  • Conoscenze richieste per l'accesso:

    Per l'ammissione è richiesto il possesso della laurea o diploma universitario abilitante alle professioni di Infermiere, Infermiere pediatrico, Ostetrica, o di altro titolo equipollente. L'accesso al Corso di Laurea Magistrale è a numero programmato in base alla Legge 264/1999 e prevede un esame di ammissione che consiste in una prova con test a scelta multipla. Requisiti curricolari Per i professionisti in possesso della laurea nella classe SNT/1 o L-SNT1 non sono previsti debiti formativi. Possono altresì accedere i candidati in possesso del titolo abilitante conseguito con i Diplomi Universitari se nel loro percorso sono stati effettuati minimo 20 CFU nel SSD MED/45 per gli Infermieri e MED/47 per le Ostetriche, e 50 CFU in attività di tirocinio. Per i candidati in possesso del Diploma di Infermiere Professionale, Vigilatrice d'Infanzia e Ostetrica conseguito con il precedente ordinamento non universitario e riconosciuto titolo equipollente i requisiti di accesso e i debiti formativi saranno indicati nel Regolamento Didattico del Corso di Studio. Verifica della preparazione personale L'adeguatezza della preparazione personale sarà oggetto di verifica con modalità indicate nel Regolamento didattico del corso di studio. Non sono ammesse iscrizioni di laureati di primo livello in presenza di debiti formativi, sia per quanto riguarda il possesso dei requisiti curriculari, sia per quanto riguarda il possesso dell'adeguata preparazione personale.

  • Orientamento in ingresso:

    Obiettivo dell'orientamento in entrata è favorire l'attratività del corso di laurea Magistrale agli studenti che hanno conseguito la Laurea di I livello presso altri Atenei attraverso strumenti e attività che consentano la conoscenza e lo scambio tra studenti e l'attenzione che il Cds ha nei riguardi della componente non esigua di studenti lavoratori. Per consentire il suddetto obiettivo la segreteria didattica offre una più agevole organizzazione al fine di favorire la frequenza alle attività didattiche degli studenti lavoratori.

  • Prova finale:

    Per essere ammessi all'Esame finale di Laurea Magistrale, lo Studente deve : - aver superato tutti gli esami di profitto, ed avere avuto una valutazione positiva di tutti i tirocini; - aver consegnato alla Segreteria Studenti almeno 15 giorni prima della seduta di Laurea: a) domanda al Rettore b) una copia della Tesi di Laurea in formato elettronico. L'esame di Laurea si svolge nelle sessioni indicate dal Regolamento Didattico di Ateneo. La richiesta della Tesi di Laurea da parte dello Studente deve essere formulata almeno sei mesi prima della seduta di Laurea al Presidente del CdL, il quale designa tra i docenti il Relatore, valutando l'argomento scelto dal discente. L'esame di Laurea consiste nella redazione e discussione pubblica dinanzi ad un'apposita commissione, di un elaborato (Tesi di Laurea) di natura sperimentale o teorico-applicativa riguardante l'approfondimento di aspetti manageriali, di ricerca, formativi e di metodologie professionali avanzate specifiche del proprio ambito professionale. Su proposta del relatore, la tesi può essere redatta e discussa in lingua inglese. A determinare il voto di laurea, espresso in centodecimi, contribuiscono i seguenti parametri: - la media aritmetica dei voti conseguiti negli esami curriculari fino ad un massimo di 110 punti; - i punti attribuiti dalla Commissione di Laurea in sede di discussione della tesi, fino ad un massimo di 7, con criteri e modalità stabiliti ad hoc dal CdCL. Il voto complessivo, determinato dall'elaborazione dei punteggi previsti dalle voci "a - b", viene arrotondato per eccesso o per difetto al numero intero più vicino. La lode può venire attribuita con parere unanime della Commissione ai candidati che conseguano un punteggio finale di 110 punti. L'esame si ritiene superato con il conseguimento della votazione complessiva minima pari a 66/110.

  • Servizi Aggiuntivi:
    • Laboratorio di informatica Centro di Biotecnologie
    • Aula  Informatica ad accesso libero, Edificio 20, AOU Federico II
    • Biblioteca del Dipartimento di Medicina Clinica e Chirurgia, Edificio 1, AOU Federico II
    • Biblioteca di Area Medicina e Chirurgia, Edificio 20, AOU Federico II -
      www.unina.it/-/769362-biblioteca-di-area-medicina-e-chirurgia